Coltivare i fagiolini? Semplicissimo!

Fagiolini nani e rampicanti

 

Fanno parte delle leguminose, sono ricchi di vitamine e sali minerali e fanno parte della varietà cosiddetta “mangiatutto”, stiamo parlando dei fagiolini, dei legumi perfetti da coltivare, in particolar modo nelle regioni a clima temperato.

 

Le varietà più diffuse dei fagiolini si dividono in: fagiolini nani e fagiolini rampicanti, la loro coltivazione non è molto differente tra loro, e anche rispetto ai più classici fagioli, ciò che cambia è il periodo di raccolta e la messa a dimora delle piante.

Vediamo insieme cosa puoi fare per una semina e una coltivazione corretta delle tue piante di fagiolini!

 

Coltivazione fagiolini

 

Fagiolini nani e rampicanti: quali differenze?

Oltre alle differenze di dimensione, che già si intuiscono dai nomi dei due fagiolini, come abbiamo detto, i fagiolini nani sono più precoci rispetto a quelli rampicanti. Proprio per questo motivo puoi utilizzare una loro coltura per arricchire il terreno di azoto se desideri operare un’agricoltura sinergica, mentre, al contrario, quelli rampicanti hanno un periodo di crescita e raccolto decisamente più lungo.

I fagiolini nani, inoltre, sono perfetti per un consumo continuativo, infatti una volta finito il loro ciclo vitale puoi ripiantare ulteriori colture a scalare; in questo modo avrai per molti mesi a disposizione dei fagiolini nani freschi.

 

Fagiolini raccolti

Quando seminare i fagiolini

Una corretta coltivazione dei fagiolini prevede la semina tra la primavera e l’estate inoltrata, soprattutto quando le temperature esterne avranno raggiunto i 15-16° nelle ore notturne, e i 24-28° nelle ore diurne. È molto importante tenere in considerazione questo aspetto perché i fagiolini sono una pianta che teme tantissimo il freddo, non germina sotto i 10° e rischia di danneggiarsi o morire a causa di gelate notturne tardive.

Se desideri anticipare la loro coltura puoi utilizzare delle strutture di protezione, come delle serre fredde o dei tunnel, facendo così potrai avere dei cicli produttivi anticipati e fuori stagione.

 

Come coltivare fagiolini

Posizione e terreno

Per la coltivazione dei fagiolini scegli un terreno fertile, che abbia allo stesso tempo un buon drenaggio, ma che non sia troppo argilloso, fertilizzalo con del compost organico circa due settimane prima di mettere a dimora i semi o le piantine.  Il terreno ideale, inoltre, dovrebbe essere povero di calcio e con PH tendente alla neutralità, se il tuo terreno ha troppo calcio potrebbero risultare semi duri, difficili da cuocere. Posiziona le piante di fagiolini in pieno sole.

Come coltivare i fagiolini

Se decidi di coltivare la varietà nana dovrai creare dei solchi di circa 4-5 cm di profondità. Se decidi di seminare su file lungo il lato più corto lascia una distanza di circa 5-8 cm in file distanti le une dalle altre 45-50 cm. Se decidi di coltivare le varietà rampicanti dovrai distanziare le postarelle di circa 10-15 cm e le file dovranno essere distanti tra loro circa 1 cm. Utilizza un sostegno fatto di canne, pali di legno o reti metalliche come tutore alle tue piante rampicanti.

I parassiti che colpiscono maggiormente questa pianta sono gli afidi: utilizza un insetticida biologico, come Biofito Afidi Stop, per eliminare il problema senza riversare sostanze nocive sulla pianta.

ricette con fagiolini 

 

Irrigazione dei fagiolini

Una volta che vedrai le tue piantine consolidate nel terreno, interrompi le annaffiature finché non spunteranno i primi fiori. Questo è un piccolo trucchetto che ti consentirà eliminare dalla pianta l’eccesso di acqua che fa produrre maggiormente le foglie a discapito dei frutti. Una volta che le piante saranno fiorite potrai riprendere con un’irrigazione regolare, senza esagerare e senza creare ristagni d’acqua.

A giungo, per evitare l’evaporazione dell’acqua, puoi distribuire una pacciamatura di torba o paglia alla base delle piante, così come puoi operare leggere sarchiature.

 

pianta di fagiolini

Quando raccogliere i fagiolini

Seppur i fagiolini siano davvero molto simili ai fagioli nella loro coltura, è bene che tu raccolga i fagiolini quando sono ancora teneri e piccoli. Staccali con un colpo secco, in questo modo eviterai anche di danneggiare la pianta.Pianta fagiolini rampicanti

Tag:, , ,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

0 shares