Come coltivare i lamponi? Per te tutti i trucchi!

Coltivare i lamponi

Per i veri amanti dei piccoli frutti non può mancare in giardino o in terrazzo almeno una pianta di lamponi da coltivare. I suoi frutti, che possono variare in gusto e colore in base alla specie che si sceglie, sono solitamente di un rosa brillante e possono essere utilizzati per la preparazione di torte, marmellate, sciroppi e gelati.

Oltre ad avere un frutto particolarmente buono, le piante di lamponi sono facili da coltivare perché richiedono davvero pochissime cure e pochissimo spazio. Se coltivi una pianta di lampone in terrazzo, ad esempio, ti sarà sufficiente un singolo vaso e un supporto di legno dove farla arrampicare, perché la sua crescita si sviluppa in senso verticale.

I lamponi, come coltivarli

 

Dove posizionare i lamponi

Che sia in piena terra, oppure in vaso, per coltivare i lamponi è necessaria una posizione a mezz’ombra, arieggiata, ma allo stesso tempo protetta dalle folate di vento forte. L’importante è che non sia in pieno sole per molte ore della giornata, infatti la pianta di lampone ha bisogno di tantissima acqua e potrebbe risentire nella sua crescita se il luogo in cui abitate non ha acqua a sufficienza o un’estate troppo torrida.

Quando seminare i lamponi?

In generale i periodi di semina della pianta sono due: la fine dell’autunno (preferibile) e la primavera inoltrata. Se decidi di piantare il lampone in piena terra distanzia le piante le une dalle altre di circa 40/50 cm, ma se decidi di fare due file lascia tra queste un metro di distanza.

Non preoccuparti del terreno, coltivare i lamponi è piuttosto facile perché non necessitano di un terreno particolare; se devi scegliere preferiscine uno fertile e ricco di elementi nutritivi.

Lamponi coltivazione

Come coltivare i lamponi: concimazione e pacciamatura

Come per ogni coltura, anche la coltivazione dei lamponi necessita di concimazione, indispensabile per garantire una buona produttività e numerosi frutti. La concimazione più efficace è sicuramente quella organica, ma puoi optare anche per quella chimica scegliendo un concime a base di azoto come, ad esempio, il concime universale a bastoncini se coltivi i lamponi in vaso.

Ti consigliamo una pacciamatura annuale sia per mantenere l’umidità costante anche durante i periodi estivi sia per favorire l’assorbimento delle sostanze nutritive ogni qualvolta si effettua una concimazione del terreno, il lampone infatti è una pianta dalle radici superficiali che potrebbero danneggiarsi. Ricordati che i suoi frutti non sono buoni solo per gli umani, ma anche per tutti gli insetti e gli uccellini che vivono intorno a noi, proprio per questo motivo previeni con uno spaventapasseri o una rete protettiva.

 

Come potare i lamponi

Come potare i lamponi

Così come per la sua coltivazione anche potare una pianta di lamponi è davvero molto semplice, infatti, dovrai rimuovere i tralci che hanno fruttificato, i polloni deboli e tutti i rami che ti sembrano improduttivi. Ovviamente oltre a questi tagli dovrai eliminare anche le parti che vedi ammalate, secche oppure danneggiate. Devi effettuare la potatura dei lamponi tra fine inverno e inizio primavera.

 

Quando raccogliere i lamponi

La raccolta dei lamponi

Puoi raccogliere i lamponi quando li vedrai ben rossi, ma ancora duri. Controlla la maturazione quotidianamente per raccoglierli prima della loro caduta ed evitare così attacchi di muffa grigia. In base alla specie di lamponi che sceglierai potrai gustare lamponi gialli (Fallgold) oppure lamponi neri (Munger), oppure ancora senza spine, come la varietà Glen Moy.

Tag:, , , , ,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

100 shares