Meravigliosi giardini: l’Orto Botanico di Padova

Orto botanico di Padova fontana

L’Orto Botanico più antico al mondo, con oltre 7000 specie botaniche e Patrimonio UNESCO: l’Orto Botanico di Padova si suddivide in due aree principali, la prima risalente al 1545, dell’architetto Andrea Moroni. L’affascinante forma trapezoidale deriva dalla sua precedente appartenenza al vicino monastero di Santa Giustina. Sulla pianta influirono anche le concezioni filosofiche del tempo, con l’intreccio di significati astrologici e perfino esoterici, grazie al contributo dell’umanista Daniele Barbaro.

mappa2

 Una forma circolare inscrive un quadrato, a sua volta suddiviso in quarti. Il muro di recinzione è del 1552, costruito per ostacolare i continui furti di piante officinali: da qui il nome di “Hortus Cinctus”. L’orto subì nel tempo ampliamenti e modifiche, che tuttavia non ne stravolsero mai l’equilibrio: del ‘700 sono i quattro ingressi monumentali, i cancelli, le fontane e le colonnine che ingentiliscono il muro perimetrale. Successivamente, l’orto si estese nell’area esterna, si arricchì di tre belle meridiane, delle serre in muratura, di statue e busti (tra cui Linneo, Teofrasto, Tournefort), di un’aula ad emiciclo (il “teatro botanico”) e del grande edificio all’ingresso, abitazione del direttore (o Prefetto) dell’Orto.

L’Hortus Cinctus ospita moltissime specie e alberi storici, come la Palma di San Pietro, messa a dimora nel 1585, e resa famosa da Goethe che ne trasse ispirazione e scrisse un breve trattato; un ginkgo del 1750 e la magnolia più antica d’Europa, del 1786.

Le serre del Giardino della Biodiversità compongono la seconda parte dell’Orto Botanico di Padova: un’immersione espositiva nel contemporaneo, ma con un orientamento e una struttura coerenti con la parte antica.

serre_modificato

I pannelli solari producono energia: è un luogo che, coerentemente alla propria missione, ha un impatto ambientale molto basso. Il Giardino della Biodiversità accoglie molti spettacolari ecosistemi: la Foresta pluviale tropicale, la Foresta tropicale subumida, il clima temperato e mediterraneo e il clima arido. Il percorso “Le piante e l’uomo” invece ne indagano il rapporto quotidiano attraverso secoli e millenni.

Il sito web (link)

Per informazioni e prenotazioni: 0412010222 – info@ortobotanicopd.it

Tag:,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares