Lucciole, luminose fate di giugno che riempiono boschi e prati

La bioluminescenza delle lucciole in corteggiamento rimane una delle suggestioni più romantiche della prima estate.

L’emissione di luce delle lucciole è prodotta da un enzima catalitico, la luciferasi, dal colore freddo e intenso. Nella notte dei boschi e dei prati creano immagini difficilmente dimenticabili, a cui dedichiamo una gallery di fotografie di Hiramatsu Tsuneaki per festeggiare l’inizio del mese.

giap07 giap05 giap03 giap02 giap giappone japan

 

Fonte: Hiramatsu Tsuneaki

Ad esse ha dedicato una poesia Marino Moretti, e le definisce “le fate di giugno”.

Lucciole (Marino Moretti) 

Vanno, vanno col loro

lumino mezzo verde,

come in soffio d’oro…

«Lucciola, lucciola, vien da me!».

Oh, non aprire il pugno

per afferrarle… Guai!

Esse, bimbo, non sai?

son le fate di giugno…

«Lucciola, lucciola, vien da me!».

Bimbo, che ne faresti

d’un lumino cosi

lieve? Immagino, sì,

che me lo spegneresti…

«Lucciola, lucciola, vien da me!».

Lucciole! Col lumino

loro, il lumino verde,

a qualcun che si perde

ti insegnano il cammino:

sono le nostre stelle,

le stelle della Terra,

o tu che ami la guerra,

fanciulletto ribelle.

«Lucciola, lucciola, vien da me!».

Tag:, , ,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares