Zucca: tutto quello che c’è da sapere!

La zucca ad ottobre

Quale mese, se non ottobre, per parlare di zucca?

Questo è il periodo dell’anno dove spuntano i colori arancioni di questo ortaggio, tanto versatile in cucina, quanto ricco di proprietà nutritive per il nostro organismo.

 

Volete sapere proprio tutto sulla zucca? Leggete di seguito!

 

Solo proprietà positive

Innanzitutto la zucca fa parte della famiglia delle Cucurbitacee, caratterizzata soprattutto da una buccia molto dura e un interno polposo arancione, dolce e solido. Nonostante ne esistano più di 30 varietà diverse commestibili, la più diffusa nelle case è la Cucurbita Maxima che è caratterizzata da grandi dimensioni e da una forma globosa.

Il suo utilizzo in cucina è l’ideale non solo per il suo sapore dolce, ma anche perché è un ortaggio perfetto per diete ipocaloriche; infatti 100 grammi di zucca fresca contengono solo 20 calorie. Ricca di betacarotene, sodio, calcio, glutammina e arginina, per il rinnovamento cellulare, ma anche aminoacidi, fibre e cucurbitina, insomma è davvero perfetta per fornire sostanze nutritive al nostro organismo.

 

Le proprietà della zucca

 

Come dicevamo, ne esistono davvero tante varietà, le più comuni che potete acquistare sono:

  • Zucca a Tomboncino d’Albenga
  • Zucca Americana
  • Zucca Atlantic Giant
  • Zucca Berrettina Piacentina
  • Zucca Big Max
  • Zucca Black Futsu
  • Zucca Blu d’Ungheria
  • Zucca Blue Ballet
  • Zucca Butternut
  • Zucca Butternut Rugosa
  • Zucca di Chioggia

Come sceglierla?

Al di là del sapore che si vuole ricercare per tipo di zucca, ognuna però deve essere scelta con criterio. Bisogna far attenzione a non scegliere zucche con grosse ammaccature, ma prediligetene una con consistenza soda, che abbia mantenuto il picciolo morbido. Un consiglio è provare a dare piccoli colpetti alla sua scorza e preferire quelle che producono un rumore sordo. Potete conservarla in un posto fresco, asciutto e poco luminoso, ma una volta aperta è meglio scegliere il frigorifero.

insieme di zucche, l'ortaggio ideale per ottobre

 

La coltivazione della zucca

Coltivare la zucca in un piccolo orto domestico richiede alcune attenzioni da porre soprattutto nella concimazione della terra, nella potatura e nella cura da parassiti della pianta.

Per quel che riguarda la zona di coltura, è meglio prediligere un terreno ricco, con un PH leggermente acido, ma tendente al neutro; questo consentirà di avere zucche più dolci e saporite. Ricordate che la zucca è davvero esigente e richiede una concimazione abbondante e ricca; concimate con del compost naturale, del letame oppure aggiungendo dei fertilizzanti a base di potassio come il concime unico.

Il seme della zucca non richiede particolari attenzioni, infatti può anche essere seminato direttamente a dimora nell’orto, in postarelle rialzate di circa 10 cm dal terreno, con 3-4 semi ciascuna. Il periodo ideale di semina è da metà aprile e per tutto maggio e giugno, preferite luoghi aperti e assolati, ma è accettabile anche uno spazio a mezz’ombra.

 

Non annaffiate troppo spesso, ma fatelo con regolarità; soprattutto quando la pianta inizia la fioritura, abbondate con l’acqua perché vada ben in profondità nel terreno.

Quando le piantine cominceranno a crescere e avranno 3-4 foglie, cominciate a diradarle lasciando la foglia migliore. Prestate attenzione anche al terreno, infatti le piante di zucca amano un terreno ben mosso e ossigenato, smosso spesso e dal quale si elimineranno con frequenza le piante infestanti.

 

Diversi tipi di zucca

 

La zucca è un ortaggio che si appoggia a terra, e proprio questo la espone a maggiori rischi di marcescenza o parassiti. Una buona idea è quella di porre al di sotto uno strato di pacciamatura, oppure delle assicelle di legno. Questo eviterà il formarsi frequente di erbe infestanti, l’attacco da parte di elateridi e il diretto contatto con il terreno umido.

 

Potate periodicamente il tralcio, eliminando dopo la seconda o la quarta foglia, a seconda della pianta. Questo tipo di potatura serve per produrre più germogli ascellari, se al contrario preferite zucche di grandi dimensioni, è meglio, invece, lasciare solo un paio di frutti sulla pianta.

 

Close up zucca

 

Vi consigliamo di raccogliere la zucca quando è perfettamente matura; non c’è una regola precisa che lo dimostri, ma solitamente la scorza diventa molto dura e inscalfibile con un’unghia e il picciolo più secco.

Il clima ideale per la zucca è una zona temperata e mite, intorno ai 20 gradi. Può riportare danni se coltivata in zone troppo gelide con temperature inferiori ai 10 gradi, ma anche in luoghi troppo caldi oltre i 30 gradi.

Concludiamo questo excursus con i parassiti della pianta che possono essere: gli afidi le virosi, l’oidio, la peronospora e il marciume del colletto (pitium).

 

Potete curare queste malattie con i nostri prodotti:

Biofito Afidi stop, per afidi e virosi

Fito funghicida in fiale per oidio

Funghicida rameico Tri-base per penospora e pitium

Tag:, , , , ,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares