Alla scoperta della Reggia di Versailles

La Reggia di Versailles è uno dei luoghi più amati e visitati della Francia. Progettata e ideata da Andrè de Le Nôtre nel 1661 sotto richiesta di Re Luigi XIV, è, oggi, una delle opere di giardinaggio più grandi ed importanti al mondo.

Al suo interno sono presenti 200mila alberi e fiori di diversi colori, arrivati da differenti angoli del mondo. Si sostiene infatti che giunsero, alla corte del Re Sole, 50mila bulbi da Costantinopoli e intere foreste dalle Fiandre e dalla Normandia.

Il progetto, terminato dopo 40 anni di lavori, prevedeva ampi spazi verdi, fontane, edifici e lunghi canali, ideali per allietare i numerosi ospiti che soggiornavano alla corte del re, senza dimenticare i parterre, i sontuosi giardini disposti in modo tale da essere visibili anche a lunga distanza, rispettando simmetrie e prospettive.

Il parco è grande circa 800 ettari, e al suo interno è possibile visitare magnifici edifici come il Grand Trianon, soprannominato il Trianon di Marmo perché rivestito di pannelli di marmo rosa che ornano le facciate del palazzo, o anche la zona del Petit Trianon che presenta un piccolo castello circondato da un magnifico giardino. Sarà bello perdersi tra boschetti o sentieri, tutti sempre decorati da statue e fontane oppure fare delle passeggiate verso l’Orangerie, che con un totale di 1055 alberi, è una delle parti più esotiche della Reggia grazie ai suoi alberi di arancio, limoni, oleandri, melograni e ulivi.

Informazioni Utili

Come raggiungerlo?
Puoi raggiungere Versailles da Parigi:

  • In treno dalla stazione ferroviaria Versailles Château – Rive Gauche.
    Si consiglia di prendere la linea C della RER da Parigi
  • In Autobus prendendo la linea 171 che parte da Pont de Sèvres e si ferma a Versailles-Place d’Armes.

Quando visitarla?

Ti consigliamo il periodo tra aprile e giugno oppure tra ottobre e novembre: troverai un clima piacevole e meno affollamento.

Visita il sito di Versailles per avere tutte le informazioni necessarie!

Tags: giardini, giardino, versailles

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *